Lunedì, 09 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
LOMGOBUCCO (CS)

Comitato Sicurezza
raccolte 2000 firme

comitato, longobucco, provincia, Calabria, Archivio

Il presidente della Provincia di Cosenza  Mario Oliverio ha ricevuto una delegazione del Comitato civico Pro-Sicurezza 107 di Longobucco, guidata dal sindaco Luigi Stasi. Il Comitato  ha promosso una petizione, indirizzata a varie autorità istituzionali, nella quale è chiesta l’urgente messa in sicurezza dell’importante arteria gestita dall’Anas. Una strada di collegamento strategica, questa, interessata da flussi di traffico notevolissimi, quotidianamente percorsa da migliaia di automobilisti.  La petizione - è stato precisato- è nata in seguito ad una lunga catena di incidenti, molti dei quali mortali, che negli anni si sono registrati: L'ultimo. in ordine di tempo,   nel gennaio scorso ha interessato Stefano Palopoli, venticinquenne di Longobucco, che ha perso la vita sulla statale Silana-Crotonese nei pressi del bivio per San Pietro in Guarano.
Un evento tragico che ha spinto il Comitato nel quale sono unite forze politiche, civiche, sociali, sindacati, ad avviare questa azione.
Al presidente della Provincia sono state consegnate le prime 2000 firme raccolte nella città silana dalla quale parte l’iniziativa.
Un elenco che si sta allungando di giorno in giorno vista la convinta adesione che viene anche da cittadini dell’area interessata al percorso della SS 107, in particolare dei molti comuni quali San Giovanni in Fiore, Bocchigliero, quelli della cintura presilana, della stessa città di Cosenza.
Il presidente Oliverio, sentita la delegazione promotrice della petizione, condividendone in pieno le motivazioni, ha immediatamente assicurato il proprio intervento per coordinare un incontro tra l’Anas ed il Comitato. “Della drammatica questione sollevata dal comitato- ha affermato- interesserò l’Anas attraverso il suo Capo Compartimento. Negli anni, più volte, abbiamo sollevato la necessità di procedere ad una messa in sicurezza della strada, fondamentale per la mobilità ed i collegamenti nella nostra provincia e nella quale sono evidenti criticità che vanno risolte, per garantire la sicurezza di chi la percorre.” 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook