Sabato, 16 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Città invasa da rifiuti esposto in procura
ROSSANO (CS)

Città invasa da rifiuti
esposto in procura

Si complica l’emergenza rifiuti in Calabria. I sindaci disperati, con le città sommerse dalla spazzatura,  si affidano alle procure come ha fatto stamani il sindaco di Rossano, Antoniotti che ha inviato un esposto alla procura di Castrovillari e una ennesima missiva alla regione e al prefetto. “Dal dipartimento Ambiente della Regione Calabria - sottolinea il primo cittadino - si stanno reiterando errori su errori che stanno provocando danni incalcolabili, in ambito ambientale e sanitario, alla città e all’intero territorio. Non si può continuare a conferire in discarica quantitativi miserevoli lontani dal reale fabbisogno. Si rammenta – scrive il  sindaco - che il quantitativo giornaliero di conferimento rifiuti presso l’impianto tecnologico di Rossano, pari a 30 tonnellate, non è assolutamente conforme a poter far fronte all’enorme mole di spazzatura presente sulle strade. La stessa che – ricordiamo – si sta accumulando da oltre un mese a causa dei gravi disservizi prodotti dalla chiusura dell’impianto di Pianopoli, e non come erroneamente riportato dagli uffici regionali (che probabilmente disconoscono del tutto la problematica) a causa del blocco dei manifestanti su Bucita. Ritengo inammissibile, inoltre, che – ribadisce Antoniotti - nel sito di stoccaggio rossanese, sorto a servizio di 35 comuni del territorio della Sibaritide, si continui a far sversare compattatori provenienti da altri territori, ciò con l’ancora più gravosa situazione di ingolfare un impianto, così come facilmente riscontrabile, già di per se inadeguato a far fronte all’ordinarietà del servizio”. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook