Venerdì, 22 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Chiusura sede VVFF allarme della UIL
SAN GIOVANNI IN FIORE (CS)

Chiusura sede VVFF
allarme della UIL

bonaventura ferri, chiusura, cosenza, san giovanni in fiore, uil, vigili del fuoco, Calabria, Archivio

No alla chiusura del distaccamento dei Vigili del Fuoco di Cosenza. Appello al ministro Alfano.  Il responsabile della UIL di Cosenza denuncia l’ennesimo scippo ai danni del territorio silano. Nel nuovo Progetto Nazionale di Riordino dei Vigili del Fuoco sul territorio, infatti, la sede silana è stata declassata a distaccamento volontario vanificandone l’apertura permanente; questo è avvenuto sulla base dei dati degli interventi del comando di competenza che è Cosenza anche se, nella realtà, i dati di riferimento dovrebbero essere cumulati con gli interventi del comando di Crotone, con un risultato certamente diverso. Il territorio silano è attraversato da una delle più trafficate arterie stradali della Calabria, la SS-107, che collega la costa ionica con quella tirrenica da Crotone a Paola ma, nonostante ciò, il territorio di San Giovanni, e degli altri paesi limitrofi, è così distante dalla sede permanente di soccorso dei Vigili del Fuoco di Cosenza che, per abbreviare i tempi d’intervento, moltissime volte i soccorsi per quegli abitanti partono dal Comando dei Vigili del Fuoco di Crotone. Proprio quest’ultima circostanza ha causato la cancellazione dei Vigili del Fuoco di San Giovanni in Fiore come distaccamento permanente. Chiaramente questo è un caso nazionale, sostiene Bonaventura Ferri -segretario della UIL dei Vigili del Fuoco di Cosenza-, in Italia ci sono moltissime sedi di soccorso che vengono mantenute attive con parametri simili o addirittura inferiori a quelli del territorio di competenza della sede di S.Giovanni, ovviamente, se correttamente valutati. La posizione “di confine” del territorio silano non può essere pagata dai suoi abitanti; questi cittadini hanno diritto al miglior servizio di soccorso possibile in tempi adeguati e non, come adesso, con dei tempi di percorrenza dei mezzi di soccorso in molti casi superiori ad un ora. Con dei tempi simili è difficile pensare all’incendio di un’abitazione oppure ad un incidente stradale come anche ad una qualunque esigenza di soccorso di un cittadino. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook