Domenica, 22 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Arresti domiciliari alla mamma di “Cocò”
CASSANO

Arresti domiciliari
alla mamma di “Cocò”

  La Corte di Appello di Catanzaro ha concesso gli arresti domiciliari alla mamma del piccolo Cocò, il bambino di 3 anni di Cassano, ucciso e bruciato insieme al nonno e ad una donna marocchina. Antonia Maria Iannicelli non potrà però subito lasciare il carcere perché è pendente un’altra vecchia condanna definitiva a tre anni per droga che sta finendo di scontare e la cui competenza, essendo la Iannicelli non ancora maggiorenne al momento dei fatti, è del Tribunale dei minori di Catanzaro. Una istanza urgente sarà perciò presentata stamane dagli avvocati della donna, Liborio e Angela Bellusci, anche al giudice di sorveglianza del Tribunale di Catanzaro. La speranza è che la mamma del piccolo Cocò possa raggiungere le sue due bambine nella casa famiglia dove sono ospitate assieme ai cuginetti e a tre zii. Le indagini sulla triplice esecuzione intanto proseguono. I carabinieri hanno scoperto che “Betty” Taoussa, la compagna di Giuseppe Iannicelli, s’era sposata civilmente nell’ottobre del 2013 a Lungro con un uomo con cui ha convissuto solamente per cinque giorni. Il matrimonio sarebbe stato un espediente attuato per acquisire la cittadinanza italiana.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook