Lunedì, 16 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Nel carcere Antonia piange il suo Cocò ucciso un angelo
CASTROVILLARI (CS)

Nel carcere Antonia
piange il suo Cocò
ucciso un angelo

antonia jannicelli, carcere castrovillari, cassano, cocò, triplice omicidio, Calabria, Archivio

Nel carcere di Castrovillari in un silenzio quasi surreale, risuonano le urla disperate di Antonia Jannicelli, la giovanissima mamma di Cocò, il bimbo di tre anni ucciso con il nonno Giuseppe e la convivente marocchina di 27 anni in un agguato di chiaro stampo mafioso. Una esecuzione brutale che ha fatto inorridire l’Italia intera. Antonia e il marito Nicola Campolongo, anch’egli recluso, hanno ricevuto la visita di alcuni familiari e delle due bimbe affidate ad una zia. A riferirlo Franco Corbelli, leader di Diritti Civili. Lui una maschera di sofferenza, ammutolito dal dolore, lo sguardo perso nel vuoto per un dolore troppo grande. Lei piange, si dispera “Hanno ucciso un angelo, perché lo hanno fatto? Perché hanno ucciso il mio Cocò?”. Lo ripete come un mantra da giorni, da quando ha saputo che il bimbo era stato giustiziato come un boss e dato alle fiamme. E pensare che lei si era battuta perché uscisse dal carcere dopo è stato per alcuni mesi appena l’hanno arrestata perché quello non era un posto per un bambino. Tra il personale penitenziario e tra i detenuti c'è grande compassione per lo strazio di questa mamma.  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook