Lunedì, 25 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Vertenza Lsu-Lpu appello sindaco
ROSSANO (CS)

Vertenza Lsu-Lpu
appello sindaco

lsu-lpu, rossano, sindaco, Calabria, Archivio
comune Rossano

Lavoratori socialmente utili e di pubblica utilità bussano al municipio e chiedono le spettanze arretrate. Il sindaco di Rossano a ricorda alla Regione di onorare gli impegni assunti. "La Regione Calabria si faccia carico di questa problematica affinché venga risolta al più presto e mantenga fede agli impegni assunti in sede di concertazione con i sindacati, in cui si era stabilito che sarebbero state corrisposte due delle tre mensilità mancanti, relativamente all’anno 2013, entro dicembre scorso ed una entro la prima decade di gennaio 2014". L' appello di Giuseppe Antoniotti che oggi ha inoltrato una missiva al presidente della Giunta regionale, Giuseppe Scopelliti e all’assessore regionale al lavoro e formazione, Nazzareno Salerno."Il Comune di Rossano ha un bacino di precariato consistente – afferma il sindaco - riconducibile ai lavoratori socialmente utili e di pubblica utilità, per un totale di 150 unità. Questi stessi dipendenti hanno comunicato che inizieranno l’ennesimo stato di agitazione ad oltranza, ai fini della corresponsione delle tre mensilità pregresse relative all’anno 2013 che ammontano a circa 280mila euro. Questo stato di agitazione consegue al mancato rispetto degli impegni presi dalla Regione Calabria in sede di concertazione con i sindacati e dopo l’incontro a Reggio Calabria con i sindaci dei Comuni interessati. Sede in cui era stato stabilito che sarebbero state corrisposte, delle tre mensilità mancanti relativamente al 2013, due entro dicembre dello scorso anno ed una entro la prima decade di gennaio 2014". "Niente di tutto questo è avvenuto. Pertanto - conclude Antoniotti - l’Amministrazione Comunale di Rossano dà pieno sostegno ai lavoratori precari e invita la Regione Calabria a voler mantenere gli impegni presi, al fine di scongiurare assenze dal lavoro di questi operatori, che metterebbe a grave rischio i servizi essenziali da assicurare alla cittadinanza".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook