Martedì, 20 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Protesta al Brennero Coldiretti Calabria 'entrano cibo orribili'
MADE IN ITALY

Protesta al Brennero
Coldiretti Calabria
'entrano cibo orribili'

calabria, coldiretti, made in italy, passo del brennero, pietro molinaro, protesta, Calabria, Archivio

E’ una vera galleria degli orrori il cibo che ogni giorno varca le frontiere ed invade l’Italia e viene  spacciato come italiano all’insaputa dei cittadini-consumatori. “Un flusso ininterrotto di prodotti da vendere come Made in Italy e senza indicazione sull’origine degli alimenti in etichetta” ha confermato Pietro Molinaro presidente di Coldiretti Calabria che ha guidato la delegazione di oltre 150 imprenditori calabresi nella protesta sul Passo del Brennero a difesa del Made in Italy. Agricoltori di tutta Italia hanno controllato insieme alle forze dell’ordine i Tir che entrano nel nostro paese con prodotti alimentari contraffatti e quello che è venuto fuori è allucinante. “A farne le spese è anche l’economia agricola ed agroalimentare della nostra Regione- ha detto Molinario - poiché subiamo sleale concorrenza sull’olio, clementine, succo di arance, carne di maiale e salumi”.  In Calabria ad esempio, si producono 200mila quintali di Cipolla di Tropea IGP certificata, sul mercato se ne commercializzano 800mila quintali,  è evidente che i conti non tornano – precisa Molinaro – ed ancora attraverso il porto di Gioia Tauro, entra succo di arance e questo, è la causa del prezzo stracciato per le nostre arance, che alimenta poi la catena di sfruttamento.   In Italia arriva dall’estero un quantitativo di agrumi freschi pari al 14 per cento della produzione nazionale a cui si aggiungono oltre 300mila quintali di succhi concentrati che finiscono nelle bevande all’insaputa dei consumatori perché in etichetta - sottolinea - viene indicato solo il luogo di confezionamento. Attualmente in Italia l'obbligo di indicare la provenienza è in vigore per carne bovina (dopo l’emergenza mucca pazza), pollo (dopo l’emergenza aviaria), ortofrutta fresca, uova, miele, latte fresco, passata di pomodoro, extravergine di oliva, ma ancora molto resta da fare e l’etichetta è anonima per circa la metà della spesa dalla pasta ai succhi di frutta, dal latte a lunga conservazione ai formaggi, dalla carne di maiale ai salumi fino al concentrato di pomodoro e ai sughi pronti. Gli imprenditori agricoli, sono autori e garanti di ogni filiera agroalimentare che ogni anno a causa della contraffazione e relativo inganno per i consumatori, assistono un doppio furto di identità e di valore”.   

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook