Mercoledì, 20 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Sequestro da 500 mila euro a imprenditore di Avellino
RICICLAGGIO

Sequestro da 500 mila euro
a imprenditore di Avellino

gdf, legge 488, morano calabro, procura castrovillari, riciclaggio, Calabria, Archivio
fiamme gialle cs

Riciclaggio internazionale. E’ con questa accusa che la procura di Castrovillari ha disposto e gli uomini della guardia di finanza di Cosenza  eseguito,  il sequestro preventivo  di beni per circa mezzo milione di euro a carico di un imprenditore 64enne di Avellino. I sigilli sono scattati ad alcuni immobili ubicati tra Milano e Avellino formalmente intestati ai familiari dell’indagato, ma di fatto nella sua disponibilità. Sullo sfondo l’ennesima truffa mediante la legge 488. L’imprenditore non sarebbe coinvolto nella truffa, ma avrebbe avuto rapporti con il titolare dell’azienda truffaldina, un 57 enne di Benevento e avrebbe trasferito su alcuni conti svizzeri parte dei finanziamenti ottenuti per la realizzazione di una azienda di riproduzione di supporti video nel comune di Morano Calabro. Come spesso accade, l’imprenditore ha intascato i soldi, ma dell’attività nessuna traccia.  E’ scattata  l’inchiesta, ma il procedimento penale, grazie ai tempi lumaca della giustizia, è stato archiviato per sopraggiunta prescrizione. Nonostante ciò nel 2011 la corte dei conti rilevando il danno erariale ha condannato il legale rappresentante della società al pagamento della somma indebitamente percepita. E’ stato riaperto un fascicolo, grazie anche alla segnalazione di una banca svizzera di un conto sospetto. E si è arrivati al provvedimento di sequestro. L’odierno indagato, legato all’imprenditore beneventano, ma non responsabile della truffa, aveva infatti trasferito dalla azienda sotto accusa  su propri conti in una filiale di Zurigo,  530 mila euro tramite una società portoghese operante nel campo delle videoregistrazioni: quindi false forniture, false fatture per far perdere le tracce. Ma i segugi delle fiamme gialle hanno ricostruito i rapporti tra i due imprenditori e avrebbero accertato che i soldi sul conto svizzero sarebbero quelli indebitamente percepiti con il finanziamento 448 per l’attività produttiva di  Morano Calabro.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook