Giovedì, 21 Febbraio 2019
stampa
Dimensione testo
LAURIGNANO (CS)

Dipendenti sul tetto
"risposte da Asp"

Sul tetto della clinica per difendere il posto di lavoro. E' la protesta di trenta dipendenti (gli altri garantiscono i servizi) della struttura sanitaria "Madonna della Catena" di Laurignano. 150 dipendenti, 150 famiglie che da più di un anno lottano per non finire sul lastrico. Questa volta il dissenso è nei confronti dell'azienda sanitaria provinciale di Cosenza. La Regione avrebbe infatti garantito un accreditamento di 9 milioni e 200 mila euro. L'Asp  invece parla di cifre diverse, esattamente la metà, ossia 4 milioni e 700mila euro. Un problema non da poco così come l'accreditamento senza il quale non possono essere firmati i contratti. Dunque ancora incertezza sul futuro del personale che- ricorda la Cgil- non ha subito tagli dopo l'emergenza. Crisi superata grazie a due imprenditori che hanno manifestato l'intenzione di rilevare il presidio sanitario mantenendo i livelli occupazionali e potenziandone l'offerta con l'assunzione di medici specializzati. Si è dunque in una fase di rilancio. Laurignano ricomincia e sogna di poter ottenere l'unità spinale,sarebbe l'unica a sud. Ambizioni frenate dall'Asp. Così la risposta dei dipendenti nons i è fatta attendere. Resteranno sul tetto, ad oltranza, fino a quando non arriveranno buone notizie.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X