Martedì, 18 Settembre 2018
SCALEA

Abuso d’ufficio, arrestato
luogotenente dei carabinieri

di

 Un rappresentante delle istituzioni travolto da accuse pesantissime. Contestazioni difficilmente sopportabili da un uomo che per tutta la vita, indossando la divisa dei carabinieri, ha servito lo Stato dopo aver pronunciato un solenne giuramento di fedeltà. Un militare che, grazie al suo impegno sul campo, nel 2007 aveva ricevuto dal presidente Giorgio Napolitano l’onorificenza di Cavaliere di Ordine al merito della Repubblica italiana. Ora nei confronti di Ilario Castrenze, storico sottufficiale da decenni in servizio lungo il litorale dell’Alto Tirreno cosentino, sono scattate le manette al termine di una fitta e delicata attività d’indagine coordinata dalla Procura di Paola, competente per territorio, e dalla Procura militare. Il luogotenente dell’Arma, comandante della Stazione di Scalea fino alla sospensione giunta nei mesi scorsi, ieri è stato tratto in arresto dai suoi stessi colleghi mentre si trovava in congedo per convalescenza. L’inchiesta è del resto partita per iniziativa del Comando provinciale dei carabinieri, guidato dal colonnello Francesco Ferace e dal tenente colonnello Vincenzo Franzese, entrambi impegnati in un intenso controllo dei comportamenti assunti dai loro sottoposti. Al termine delle formalità di rito, quelle che Castrenze tante volte ha svolto nella sua carriera dall’altra parte della scrivania, il luogotenente è stato trasferito nel carcere militare di Santa Maria Capua Vetere, in provincia di Caserta. Il sottufficiale originario di Sant’Ilario sullo Jonio (Reggio Calabria), secondo una prima ricostruzione, avrebbe abusato del suo importante ruolo, in particolare per alcune vicende che avrebbero a che fare con dei sequestri di armi compiuti proprio nel territorio di Scalea. Controlli che, in base alle accuse, non sarebbero stati condotti nel pieno rispetto della legge. Una storia, quella di ieri, che fa il paio con un altro caso piuttosto grave accaduto di recente alle stesse latitudini, una faccenda che ha visto come protagonista un militare esperto e con il medesimo grado di Ilario Castrenze. Nel gennaio scorso era infatti finito in manette il luogotenente Mario Lucia, comandante della Stazione di Diamante, nota località turistica distante solo una manciata di chilometri da Scalea. La Procura di Paola contestava al sottufficiale il reato di concussione: più nello specifico, il luogotenente Lucia era stato accusato di aver sfruttato la sua divisa per favorire indebitamente gli interessi economici di un familiare. L’arresto aveva scatenato un polverone nella città dei murales, dove il militare d’origine catanzarese ha lavorato per tanti anni. Lucia, poche settimane dopo il provvedimento spiccato nei suoi confronti, ha patteggiato una condanna a due anni di reclusione (pena sospesa).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook