Lunedì, 30 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Influenza verso picco colpiti 1,6 milioni
MEDICI IN ALLLERTA

Influenza verso picco
colpiti 1,6 milioni

influenza, Calabria, Archivio

In attesa del picco dei casi, previsto tra fine gennaio e febbraio, continua a crescere il numero di italiani costretti a letto dall'influenza: sono stati 379.000 nella settimana passata, per un totale, dall'inizio della stagione influenzale, di 1,6 milioni. E che la curva sia in 'salita' lo confermano anche i medici di famiglia, che sottolineano come nell'ultimo periodo le visite negli studi per sintomi o conseguenze da virus influenzali siano raddoppiate.

 A rivolgersi al medico, rileva il segretario della Federazione nazionale dei medici di medicina generale (Fimmg) Giacomo Milillo, "sono in questi giorni soprattutto uomini e donne di mezza età e lavoratori, con sintomi influenzali dovuti spesso alla permanenza in ambienti chiusi come gli uffici, dove maggiore è il rischio di contagio". Tuttavia, "non c'é una situazione di allarme - rassicura - anche se il timore è che il numero dei casi quest'anno possa risultare, alla fine, maggiore a causa del calo registratosi nella vaccinazione antinfluenzale". 

Ma se è bene rivolgersi al medico in caso di dubbi, sconsigliata è invece la 'corsa' al Pronto soccorso, come sottolinea lo stesso ministro della Salute Renato Balduzzi. Al Pronto soccorso, ribadisce il ministro, "bisogna andare solo quando serve davvero e un'influenza è una patologia che si può trattare e curare a prescindere dal Pronto soccorso. Ci sono altri strumenti: innanzitutto il contatto con il medico di famiglia, fatte salve naturalmente situazioni particolari legate a patologie croniche o con complicanze".

 In generale, ha aggiunto, "non ci sono motivi di particolare allarme". Insomma, recarsi al Pronto soccorso solo in presenza di sintomi quali febbre o piccoli disturbi è inutile, e rischia solo di creare situazioni di 'sovraccarico' per i reparti di emergenza-urgenza. Il consiglio degli esperti è dunque quello di rivolgersi al medico di base (anche telefonicamente), non prendere antibiotici (a meno che sia il medico ad indicarli) e ricorrere al Pronto Soccorso solo per sintomi che fanno sospettare bronchiti o polmoniti in bambini piccoli, malati cronici non vaccinati e persone anziane. Intanto, un'impennata di casi già si registra tra i bambini e gli adolescenti compresi nelle fasce di età 0-4 e 5-14 anni, sulla base degli ultimi dati del sistema di sorveglianza dell'Istituto superiore di sanità Influnet. In particolare, nella fascia di età 0-4 anni l'incidenza è pari a 18,73 casi per mille assistiti e nella fascia di età 5-14 anni è pari a 12,67. In totale l'incidenza dell'influenza è in aumento, registrando 6,25 casi per 1000 assistiti. Al momento, le Regioni con la più alta prevalenza di malattia (superiore a 9 casi per 1000 assistiti) sono Piemonte, Valle d'Aosta, Marche, Molise, Campania e Sardegna.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook