Mercoledì, 19 Settembre 2018
LA FAMIGLIA RESTA "CENTRALE"

Natale di crisi
Crollano i consumi

consumi, crisi, natele, Calabria, Archivio

La famiglia è il tema assolutamente centrale del Natale: a rivelarlo è una indagine di 'Impresa turismo', a cura dell'Isnart, l'Istituto nazionale di ricerche turistiche, che ha intervistato 1777 persone, secondo la quale per ben il 59% degli intervistati, il "ritrovarsi in famiglia" rappresenta l'aspetto che non può mancare a Natale. 

Insieme alla centralità della famiglia, queste festività saranno caratterizzate dal crollo dei consumi, soprattutto quelli non strettamente utili (compresi i viaggi in altissima stagione) e dalla voglia di un "nuovo" migliore. Cala decisamente l'idea consumistica della Festività, dato che "i regali sotto l'albero" sono l'aspetto qualificante per solo il 6,3% delle persone; ma è anche bassa la sensibilità verso la componente più religiosa, poiché meno del 5% indica "la Messa di mezzanotte" come componente principale del Natale. Nonostante la limitata attenzione verso il rito religioso, rimane relativamente alta l'associazione tra Natale e fratellanza: "un'azione buona per i meno fortunati" è, con oltre il 15% delle risposte, al secondo posto tra le opzioni scelte. 

Fa però riflettere la notevole distanza dal tema della "famiglia" al primo posto (34 punti percentuali), indicatore del divario tra una visione del Natale, comunque centrata su se stessi, rispetto a quella orientata "all'altro", meno fortunato. Il segnale negativo verso i consumi è, in parte, mitigato dal 10,2% di risposte che mette al primo posto la componente enogastronomica, segnalando "il cenone del 24 o il pranzo del 25". Niente da fare, invece, per il turismo, considerato che "un bel viaggio verso i mari caldi o le vette innevate" è il tema imprescindibile del Natale solo per l'1% del campione. 

Gli orientamenti relativi al Capodanno offrono segnali altrettanto chiari. Al primo posto, con un terzo delle risposte, c'è il "momento dei buoni propositi": l'inizio del nuovo anno come desiderio di lasciarsi indietro tante cose che non vanno, e avviare una fase nuova, a livello personale e probabilmente non solo. Forse mai prima d'ora, questa giornata è vissuta da così tanti come un momento di riflessione e di (auspicato) cambiamento. Del resto sono solo poco più del 20% quelli che indicano la tradizionale "grande festa pazza con gli amici", per altro superata dal "ritrovarsi in famiglia" che arriva a quasi il 21%. L'equilibrio tra le due visioni del Capodanno si ritrova nelle preferenze riscosse da altre due opzioni "minori": "i fuochi d'artificio" da un lato e "una passeggiata nella città vuota l'1 mattina" dall'altro che ottengono entrambi l'8% delle indicazioni.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook