Sabato, 22 Settembre 2018
IL PENTITO VARACALLI

Ad Alessandria
c'è un "locale"
della 'ndrangheta

Il collaboratore di giustizia Rocco Varacalli è comparso nell'aula bunker delle Vallette a Torino per testimoniare al maxi processo Minotauro contro la 'ndrangheta del Torinese. Gli imputati sono 73. Varacalli, considerato uno dei testi chiave dall'accusa, ha esordito raccontando come è entrato in contatto con il mondo della criminalità, spiegando di aver cominciato a trafficare in droga a 17 anni, quando da due anni si era trasferito dalla Calabria a Torino per lavorare come muratore, su invito di un autotrasportatore, e di essere entrato nella 'ndrangheta nel 1994, ventiquattrenne.

Ad Alessandria c'e un 'locale' della 'ndrangheta: lo ha detto oggi il pentito Rocco Varacalli testimoniando a Torino al maxi processo Minotauro. Varacalli ha spiegato che fu ''aperto" dalla cosca di Natile di Careri, in Calabria, così come quello di Torino, di cui lui faceva parte, e quelli in Australia. Sulla presenza della 'ndrangheta nel Basso Piemonte e' stato celebrato un processo, nelle scorse settimane, che però si è chiuso con l'assoluzione di tutti gli imputati. Varacalli ha detto che per aprire un Locale "servono non meno di 49 uomini, tutti 'ndranghetisti''.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X