Venerdì, 22 Marzo 2019
stampa
Dimensione testo
INCHIESTA ELETTRODOTTO

No al sequestro preventivo
il GIP rigetta richiesta

Un nuovo tassello nell’inchiesta coordinata dal procuratore capo del tribunale di Cosenza, Dario Granirei,  sull’elettrodotto Laino-Feroleto-Rizziconi  ricadente nel comune di Montalto Uffugo. Il GIP, Salvatore Carpino, ha rigettato  la richiesta di sequestro preventivo del tratto compreso tra le campate 72 e 82 , per intenderci quelle che attraversano le frazioni di Lucchetta e Pianette, avanzata dalla procura. Secondo il GIP allo stato e alla luce delle consulenze tecniche disposte dal pm e affidate a due esperti dell’Unical,   non ci sono evidenze che proverebbero il superamento delle soglie d’allarme dei livelli di inquinamento dei campi elettromagnetici né soprattutto di effettiva e accertata capacità delle onde emesse dall’impianto,  di ledere o molestare le persone esposte. In poche parole per il GIP non sarebbe provata la correlazione del reale pericolo sulla salute dei cittadini, che ricordiamo nella zona di Pianette e Lucchetta, convivono con i cavi dell’elettrodotto a poca distanza dalle case e che hanno denunciato un aumento anomalo di patologie anche tumorali. Il pericolo, per assumere i contorni del reato penale, deve essere concreto e non astratto –scrive il GIP -  e deve essere accertato e obiettivo. In questo caso si rileva solo il mancato rispetto delll’obiettivo di qualità che rientra nell’illecito amministrativo e quindi il provvedimento di sequestro che rientra nella fattispecie penale, non può essere accolto. Il procuratore Granirei aveva avanzato la richiesta di sequestro per poter imporre alla Terna e al suo amministratore delegato Flavio Cattaneo, iscritto nel registro degli indagati alcune prescrizioni, come il monitoraggio costante delle emissioni, la riduzione del 30% della corrente  in servizio normale, il calcolo delle fasce di rispetto. Prescrizioni utili anche per la valutazione delle emissioni, quindi del rischio, e a salvaguardia della salute dei cittadini, obiettivo primario dell’inchiesta della procura  di Cosenza. Di fronte al rigetto del sequestro non è escluso che  il procuratore presenterà appello.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook