Venerdì, 21 Settembre 2018
MASSIMA PERICOLOSITÀ

Tra i superlatitanti
due calabresi
e due siciliani

'ndrangheta, cosa nostra, domenico condello, giovanni motisi, giuseppe giorgi, latitanti, mafia, massima pericolosità, matteo messina denaro, michele antonio varano, Calabria, Archivio

Con la cattura di Domenico Condello, restano sette i latitanti di “massima pericolosità” segnalati dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale sul sito del ministero dell’Interno.

La pubblicazione dei nomi e delle foto dei ricercati (selezionati dal Gruppo integrato interforze, Giirl) fa parte del "Programma speciale di ricerca”, un’iniziativa, si legge nel sito, “volta a stimolare lo spirito di collaborazione della collettività con le Forze di Polizia nel settore della ricerca di pericolosi malviventi”.

Ecco l’elenco dei latitanti, tra i quali restano ancora due calabresi e due siciliani:

Attilio Cubeddu, nato il 2 marzo 1947 ad Arzana (Nuoro), ricercato dal 1997, per non aver fatto rientro, al termine di un permesso, nella Casa Circondariale di Badu è Carros (NU), ove era ristretto, per sequestro di persona, omicidio e lesioni gravissime;

Marco Di Lauro, nato il 16 giugno 1980 a Napoli, è ricercato dal 2005 per associazione di tipo mafioso  ed altro.

Michele Antonio Varano, nato il 13 luglio 1951 a Centrache (Catanzaro),    è ricercato dal 2000 per associazione di tipo mafioso, associazione per delinquere, contrabbando di tabacchi lavorati esteri, ed altri gravi reati.

Matteo Messina Denaro, nato a Castelvetrano (Trapani) il 25 aprile 1962,    è ricercato dal 1993, per associazione di tipo mafioso, omicidio, strage, devastazione, detenzione e porto di materie esplodenti, furto ed altro.

Giovanni Motisi, nato a Palermo l’1 gennaio 1959,   è ricercato dal 1998 per omicidi, dal 2001 per associazione di tipo mafioso ed altro, dal 2002 per strage ed altro. Deve scontare la pena dell'ergastolo.

Pasquale Scotti, nato a Casoria (Napoli) l’8 settembre 1958, è ricercato dal 1985, per omicidio ed occultamento di cadavere ed altro.

Giuseppe Giorgi, nato a San Luca (Reggio Calabria) il 6 marzo 1961, è ricercato dal 1995 per associazione di tipo mafioso finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, armi, estorsioni ed omicidi; deve espiare 17 anni di reclusione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X