Domenica, 15 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
CICLISMO

Il dramma di Pozzovivo dopo l'incidente a Cosenza: "Hanno messo fine alla mia carriera"

incidente Pozzovivo, vadue di carolei, domenico pozzovivo, Cosenza, Calabria, Sport
Domenico Pozzovivo

«Oggi hanno messo fine alla mia carriera»: sono le poche parole che Domenico Pozzovivo ha detto in una drammatica telefonata fatta subito dopo essere stato investito alla moglie Valentina Conte.

La donna, adesso, è in ospedale, al fianco del marito, sedato per non farlo affaticare e per alleviare un pò i dolori per le brutte ferite riportate. «È dolorante, è fuori pericolo ma la situazione è seria» ha detto la moglie all’ANSA. Stamani, quando si è svegliato, ha chiesto solo «fatemi tornare a casa».

Il 37enne ciclista lucano, originario di Policoro, è stato investito ieri da un'auto a Vadue di Carolei, porta meridionale di Cosenza che si spalanca sulle Serre, mentre stava pedalando insieme ad altri atleti. L'automobilista si è fermato immediatamente, chiamando i soccorsi. Pozzovivo è cosentino d'adozione.

L'atleta della Bahrain-Merida, capitanato dal messinese Salvatore Nibali, ha riportato una frattura al braccio e alla gamba in seguito all'incidente. Pozzovivo e la moglie vivono a  Morcote, vicino Lugano, in Svizzera. Valentina, 30 anni, è di Cassano allo Ionio, un Comune del Cosentino del quale, in passato, è stata anche assessore.

La coppia era in attesa di trasferirsi sull'Etna con la squadra di lui per preparare la Vuelta. «Stavo facendo le valige - ha raccontato Valentina - quando ho ricevuto la telefonata dal cellulare di un amico che era con lui, ma è stato Domenico a parlare». Nell’incidente, sulla cui dinamica sta indagando la Polizia municipale di Cosenza, Pozzovivo è stato colpito dalla parte destra dell’auto e nell’urto ha spaccato il parabrezza ed il finestrino.

Per questo i medici intendono sottoporlo ad altri accertamenti per verificare le condizioni generali al di là delle fratture. «Siamo contenti di quanto è stato fatto nell’ospedale di Cosenza - dice la moglie - ma vogliamo tornare immediatamente a casa. Siamo in attesa del trasferimento. Aspettiamo notizie dalla squadra. C'è bisogno di strutture sanitarie diverse per recuperare dal punto di vista atletico. Sono sconvolta. Nell’immediatezza ho fatto tutto quello che potevo fare ma adesso che sto metabolizzando mi sento male».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook