Giovedì, 22 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo
IL CHIARIMENTO

Paravati, il testamento spirituale di Natuzza «non può far parte dello Statuto»

di
fondazione, natuzza evolo, statuto, Luigi Renzo, Catanzaro, Calabria, Società
Natuzza Evolo e monsignor Luigi Renzo

In una lettera indirizzata a “Gazzetta del Sud” il vescovo Luigi Renzo chiarisce i motivi per cui il “Testamento spirituale” della Serva di Dio Natuzza Evolo non può figurare nello Statuto della Fondazione.

"Considerazioni - precisa - già fatte presenti in più occasioni" agli stessi rappresentanti dell'ente morale e che giungono a stretto giro di posta dopo quanto affermato pubblicamente dal presidente Pasquale Anastasi domenica, nel corso della festa della Mamma e della sua successiva proposta di spostare il testamento dall'articolo 2 nella premessa storica dello Statuto.

Innanzitutto mons. Renzo parla di «incongruenza giuridica in uno Statuto, la cui natura è di regolare aspetti costitutivi di un ente, su cui su mia richiesta di delucidazioni, si era già espresso l'Ufficio Giuridico della Conferenza Episcopale Italiana fin dall'ottobre 2015. Ma ancora più esplicita - continua il vescovo - è stata la risposta della Segreteria di Stato Vaticano il 9 gennaio 2017, a firma dell'allora Sostituto Segretario di Stato Angelo Becciu, oggi cardinale Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, dove si dice testualmente: “La Bozza di Statuto predisposta con l'aiuto dell'Ufficio Giuridico della CEI può certamente essere presa come linea guida. Mi permetto di suggerire anzitutto di “asciugare” il testo che, comunque, è un documento giuridico e deve essere quindi caratterizzato da un certo rigore e da uno stile proprio. Si tenga conto che si tratta di uno Statuto, nel quale si devono rappresentare e normare solo gli elementi strutturali e permanenti dell'ente... In questa linea si dovrebbe eliminare completamente l'art. 2”, che in realtà è proprio l'articolo che contiene il Testamento spirituale. Non entro nel merito delle altre osservazioni sempre della Segreteria di Stato - puntualizza Renzo - a cui nella mia proposta di modifica mi sono attenuto, modifica del resto accettata dalla Commissione paritetica che ha lavorato fino a novembre scorso».

Ma «a parte questi aspetti di natura giuridica» il pastore diocesano ci tiene a rilevare che «inserire il Testamento nello Statuto approvandolo col mio decreto, legherei ed obbligherei l'autorità del vescovo, mia e dei miei successori, a tutti i passaggi in esso previsti, che, se sono spiritualmente ispirativi per la Fondazione, non possono esserlo per la Diocesi. È impensabile - afferma il presule - che la Diocesi debba dipendere ed attenersi ad un testamento spirituale di una persona, sia pure santamente vissuta. È la Fondazione che deve ispirarsi ad esso non la Diocesi ed è la Fondazione che deve operare in comunione con la Diocesi, non il contrario. È questa che deve adeguarsi alle direttive della Diocesi, non il contrario».

Leggi la versione integrale dell’articolo su Gazzetta del Sud – edizione Catanzaro in edicola oggi

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook