Giovedì, 02 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Regione Calabria, gli enti “resistono” ai tagli
LE SPESE

Regione Calabria, gli enti “resistono” ai tagli

di
I casi di Calabria Etica, Comunità montane, Afor, Field e Calabresi nel Mondo. Le proroghe si susseguono mentre le spese continuano a pesare sul bilancio

Anni, lustri, perfino un... decennio, non sono serviti per spedire in soffitta alcuni enti ricadenti sotto l’egida della Regione e spesso utilizzati come “rifugio” sicuro per i peones della politica calabrese. Le liquidazioni avviate ormai molto tempo fa sono ancora attive e continuano a produrre costi per le casse pubbliche. Quantificare la cifra esatta è pressoché impossibile, ma tutto lascia supporre che gli esborsi per soddisfare le esigenze dei creditori ammontino a diversi milioni di euro.
I casi paradossali sono diversi e tra questi c’è sicuramente Calabria Etica. La Fondazione è stata avviata alla chiusura nel 2015, a seguito di un’indagine della magistratura, sfociata poi in un processo che ha visto coinvolti l’ultimo presidente della Fondazione Pasqualino Ruperto, l'assessore regionale al Lavoro dell'epoca, Nazzareno Salerno, e l’allora direttore generale del dipartimento Vincenzo Caserta. L'ultima proroga accordata dal Consiglio regionale ha spostato al prossimo 30 giugno il termine ultimo per chiudere le procedure.
Ancora più tempo - fino al 31 dicembre 2024 - ci sarà per salutare definitivamente le 20 Comunità montane.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook