Lunedì, 27 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Calabria, Reale: prossima apertura della procedura d’infrazione per mancato controllo qualità dell’aria
AMBIENTE

Calabria, Reale: prossima apertura della procedura d’infrazione per mancato controllo qualità dell’aria

La Calabria perde 43 milioni di euro per la bonifica dell’Amianto
Calabria, Politica
Italo Reale

Sarebbe prossima l’apertura della procedura d’infrazione per il mancato controllo della qualità dell’aria. Lo ha affermato, in una nota, Italo Reale. "È evidente - ha sostenuto - che il presidente della Giunta Regionale, Roberto Occhiuto, non ha nessun controllo dell’assessorato all’Ambiente di cui ha tenuto la delega. Direi di più, non ha nemmeno notizia di quello che succede e non succede. Lo dimostrano alcune scelte ed ancora di più ne sono il segnale alcune omissioni che hanno già avuto ed avranno gravissima conseguenza per la Calabria.

  1. Il finanziamento del Governo Nazionale di 43 milioni di euro per la bonifica dell’amianto è stato revocato per una “sciatteria” della Regione. Infatti, il Ministero aveva consentito la modifica della destinazione di tali risorse dalla prima destinazione (edifici pubblici) ad interventi più generali sull’amianto. La Regione però avrebbe dovuto comunicare la sua volontà di scegliere tale nuova destinazione e non lo ha fatto nei termini provocando la revoca dal Ministero della Transazione ecologica.
  2. Da qualche giorno la rete di centraline della qualità dell’aria non trasmette più i risultati alla rete nazionale e questa omissione è gravissima non solo per l’interruzione di un servizio essenziale per comprendere lo stato dell’ambiente in Calabria ma perché comporterà l’apertura di una procedura di infrazione che potrà costare salata alla Regione. Sembrerebbe che l’Arpacal e la Regione non siano state in grado di onorare il corrispettivo dovuto alla società privata che ha l’appalto per la gestione delle centraline.
  3. La scelta di quattro linee per l’incenerimento dei rifiuti non solo avrà un costo assai elevato pesando in modo importante sulla tariffa di smaltimento (quindi sui comuni e sui cittadini) ma soprattutto costringerà la Calabria ad importare rifiuti da altre regioni per far funzionare il termovalorizzatore in modo costante (come è indispensabile).

L’impressione - ha concluso Reale - è che Occhiuto abbia costruito una “governance dell’ambiente” confusa e contraddittoria tale da rendere (al di là del valore dei singoli) difficile gestire anche l’ordinaria amministrazione come dimostrano i primi due punti di crisi sopra richiamati. Ci pare che il Presidente della Giunta abbia cominciato a pagare (insieme alla Calabria) un decisionismo che, in assenza di idee chiare, può essere pericoloso quanto l’immobilismo".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook