Sabato, 03 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Catanzaro, sequenziata una nuova variante del Covid
LA SCOPERTA

Catanzaro, sequenziata una nuova variante del Covid

di
“Cerberus” individuata dai laboratori di Microbiologia
Calabria, Cronaca
Pasquale Minchella

“Cerberus” è arrivato anche in Calabria. Fra i campioni positivi al Covid sequenziati nella nostra regione per l’ultimo monitoraggio nazionale sono stati registrati alcuni casi del sotto-lignaggio più in crescita, il “Cerberus” appunto, che fa parte della famiglia di Omicron 5, variante ancora dominante con una diffusione del 97,5%, praticamente uguale a quella degli ultimi due mesi, ma superiore alla media del resto del Paese (di poco oltre il 91%).
Le analisi coordinate dal laboratorio di Microbiologia dell’ospedale “Pugliese-Ciaccio”, nelle quali sono compresi i dati degli esami svolti dagli altri tre laboratori regionali coinvolti (“Annunziata” di Cosenza, Asp di Reggio e “Mater Domini” a Catanzaro), hanno individuato quattro casi di “Cerberus” (il cui nome scientifico è B.Q.1) fra campioni di pazienti catanzaresi e reggini. Anche nei giorni precedenti alla quick survey, la ricerca rapida richiesta mensilmente dall’Istituto superiore di sanità (Iss) e dalla Fondazione Bruno Kessler, nel reparto del “Pugliese” diretto da Pasquale Minchella, erano stati registrati alcuni casi di “Cerberus”, sottovariante dell’Omicron 5 che non desta al momento particolari preoccupazioni, ma verrà comunque tenuta sotto osservazione in considerazione del possibile aumento della sua diffusione (come sta avvenendo negli Stati Uniti, dove si è attestata al 45%).

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook