Sabato, 03 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Sanità, Occhiuto: Calderoli non si permetta di impugnare legge
L'AFFONDO

Sanità, Occhiuto: Calderoli non si permetta di impugnare legge

Incontro alla Provincia di Crotone con i rappresentanti sindacali e le istituzioni in seguito allo stato di agitazione proclamato dagli infermieri dell’Asp

«Se un magistrato viene in Calabria, siccome è zona disagiata, viene pagato di più ed ha benefici in carriera. E’ giusto. Ma se la Calabria è zona disagiata per i magistrati deve esserlo anche per il personale sanitario visto che è una regione commissariata da 12 anni». Lo ha detto il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, incontrando alla Provincia di Crotone, su iniziativa del presidente Sergio Ferrari, i rappresentanti sindacali del personale sanitario dell’Asp che da giovedì scorso hanno proclamato lo stato di agitazione per le condizioni in cui sono chiamati a lavorare, per la carenza di personale e la cattiva organizzazione.

"Io sono qui a Crotone - ha detto Occhiuto - non per una vertenza sindacale, ma perché ritengo che Crotone merita più attenzione di altre province perché ha tanti deficit, infrastrutturali e di rappresentanza politica e non può avere anche la sanità in queste situazioni. Non aspettatevi la risoluzione dei problemi in una settimana, ma sappiate che sono determinato ad affrontarli». Il presidente della giunta regionale ha ribadito le difficoltà a far capire ai tavoli romani la situazione della sanità calabrese: «Ho dimostrato ai ministeri che non abbiamo deficit finanziario ed abbiamo chiuso il 2021 con 154 milioni di avanzo. Al tavolo Adduce, più che con i ministri devo affrontare i funzionari che sul programma operativo ci stanno facendo accumulare ritardi incredibili mandando osservazioni su osservazioni. Per questo ho detto ai ministri che o mi danno il programma approvato o non vado più al tavolo Adduce. E’ una provocazione fino ad un certo punto: devono scegliere o me o i funzionari».

«C'è un confronto continuo - ha detto Occhiuto riguardo alla carenza di personale - su questioni che riguardano l’impegno del governo sulla sanità. Una sentenza della Corte Costituzionale sostiene che il commissariamento non serve a nulla se non si danno al commissario strumenti eccezionali per lavorare. Invece mi vengono impugnate le leggi come quella per mettere negli ospedale medici non specializzati in una fase di emergenza. Ora ho fatto leggi per dare prestazioni aggiuntive ben remunerate a medici che sono nel sistema sanitario pubblico e che vogliono fare qualche ora nei pronti soccorsi per evitare di pagare i medici a gettone a 150 euro ad ora. Il governo voleva impugnarla ho detto a Calderoli di non permettersi».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook