Lunedì, 27 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Il prof. Barone (Paola): "La Conferenza mondiale della Sindrome di Down a Roma nel 2024"
L'ANNUNCIO

Il prof. Barone (Paola): "La Conferenza mondiale della Sindrome di Down a Roma nel 2024"

di
Il docente calabrese lavora all’Università Sapienza ed è membro del Consiglio direttivo della Trisomy 21 Research Society
down, paola, roma, sindrome, Calabria, Cronaca
Eugenio Barone

Sarà Roma a ospitare la conferenza mondiale della Sindrome di Down nel 2024. Un risultato di assoluto prestigio che porta, tra l'altro la firma di un calabrese, il paolano Eugenio Barone, 40 anni, professore di Biochimica presso l’Università Sapienza di Roma e membro del Consiglio direttivo della Trisomy 21 Research Society, la società internazionale per la ricerca sulla sindrome di Down.

La notizia viene confermata dallo stesso Barone: "Sono molto lieto di annunciare che Roma ospiterà nel 2024 la prossima Conferenza mondiale sulla sindrome di Down promossa della Trisomy 21 Research Society".
Si sono da poco conclusi in California i lavori della Conferenza che, con cadenza biennale, riunisce medici e ricercatori da tutto il mondo alla quale ha preso parte Eugenio Barone quale componente della rappresentanza italiana insieme alla professoressa Marzia Perluigi, al professor Fabio Di Domenico e alla professoressa Antonella Tramutola proponendo, in chiusura dei lavori, la candidatura di Roma ad ospitare la prossima edizione.

"L'Assemblea generale - spiega il professore Barone - ha votato e approvato con larga maggioranza la nostra proposta che ha prevalso su quella di Cambridge. Desidero ringraziare il sindaco di Roma Roberto Gualtieri che ha voluto dare un significativo, importante e decisivo sostegno alla candidatura della Capitale per il 2024"

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook