Domenica, 22 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Slot machine in Calabria, la sanatoria è a metà. La proroga c’è, ma solo per sei mesi
IL COMPROMESSO

Slot machine in Calabria, la sanatoria è a metà. La proroga c’è, ma solo per sei mesi

La legge approvata in Consiglio con i voti della maggioranza di centrodestra

Alla fine è passata la linea del compromesso: via libera (con i soli voti della maggioranza di centrodestra) in Consiglio regionale alla proposta di legge catalogata nei giorni scorsi come una “sanatoria” per i gestori delle slot machine, ma in maniera soft. La proroga varata a Palazzo Campanella è di sei mesi e non di due anni per i gestori delle sale gioco e delle sale scommesse. Inizialmente il provvedimento spostava al 31 dicembre 2024 il termine ultimo per l’adeguamento da parte dei titolari delle sale da gioco, delle rivendite di generi di monopolio e delle sale scommesse alle norme previste da una legge approvata in Consiglio regionale nel 2018. Il testo, sostenuto dall’allora presidente della commissione regionale Anti-’ndrangheta, Arturo Bova, stabiliva limiti rigidi e precisi nel settore, dove sono frequenti le infiltrazioni delle organizzazioni criminali. Per esempio, vietava il posizionamento di apparecchi da gioco a meno di 300 metri, per i Comuni sotto i 5.000 abitanti, e a meno di 500 metri per i Comuni sopra i 5.000 abitanti, da scuole, centri sociali, chiese, impianti sportivi, ospedali, banche, stazioni ferroviarie, esercizi di compravendita di oggetti preziosi (compro oro), e così via.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook