Venerdì, 02 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Calabria, mancano i certificati: niente vaccini ai bambini ucraini
IL CASO

Calabria, mancano i certificati: niente vaccini ai bambini ucraini

di
La burocrazia impedisce di immunizzare i minori fuggiti dalla guerra

Hanno attraversato i confini di tanti Paesi, dietro si portano solo uno zainetto e tanti brutti ricordi. Sono i bambini in fuga dalla guerra. La rete dell'accoglienza e della solidarietà sta attraversando da un capo all'altro tutta l'Europa. Nel territorio reggino la comunità ucraina è numerosa e in questi giorni i ricongiungimenti aumentano. Luoghi sicuri, lontani dalle sirene degli allarmi, dal deflagrare delle bombe, in cui trovare letto caldo, cibo buono e sguardi rassicuranti. Ma la guerra non cancella con un colpo di mano l'altra emergenza quella sanitaria. Questi bambini chiedono di essere vaccinati. E qua inizia un altro rebus che la burocrazia pare non sapere come sciogliere. Spiega una volontaria della rete solidale: «Siamo stati all’Asp e ci hanno detto di rivolgerci all’Agenzia delle entrate, ma le sedi territoriali competenti ci hanno spiegato che non è compito loro. Ci è stato detto che la Prefettura avrebbe dovuto istituire un ufficio ad hoc che avrebbe dovuto rilasciare i Codici Stp. Ma nessuno ci ha saputo dare indicazioni. I bambini sono stati visitati e sottoposti a tampone, andrebbero vaccinati. Ma senza queste certificazioni non è possibile. Qualcuno ci spieghi in maniera chiara come fare, di chi sono le competenze».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook