Giovedì, 04 Marzo 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Le mani delle cosche sul Veneto, in 52 rischiano il processo
'NDRANGHETA

Le mani delle cosche sul Veneto, in 52 rischiano il processo

di

Le mani della 'ndrangheta sul Veneto produttivo, sulle aziende bisognose di liquidità e vessate dalle cosche. È questo lo scenario descritto dagli investigatori dei carabinieri del Comando provinciale di Padova nell'ambito dell'operazione “Camaleonte-bis” approdata davanti al gup di Venezia Francesca Zanin, che da oggi inizia a raccogliere le richieste difensive e dovrà decidere sulla richiesta di rinvio a giudizio nei confronti di 52 indagati.

Il legame tra Calabria e Veneto è rappresentato, secondo gli inquirenti, da una serie di rapporti intrattenuti dai fratelli Michele e Sergio Bolognino, originari di Locri, e indagati in questo procedimento penale dopo essere rimasti coinvolti in altre inchieste sulla presenza della 'ndrangheta al Nord.

Altri indagati originari della Locride sono Francesco e Noemi Andrea Bolognino, Francesco Agostino, Stefano Marzano. Del cosentino invece sono Leonardo e Domenico Nardella e Antonio Mangone. Il numero maggiore riguarda indagati originari del crotonese come Giuseppe e Giulio Giglio, Vincenzo Marchio, Valter Zangari, Mario Vulcano, Antonio Brugnano, Francesco Depasquale, Carmine Colacino, Donato Clausi, Francesco e Pasquale Scida, Giuseppe Rechichi, Antonio Muto, Gaetano Blasco, Antonio Carvelli, Salvatore Paolini.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud in edicola, edizione della Calabria

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook