Domenica, 26 Gennaio 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Riace, processo "Xenia": Lucano non faceva riscuotere i diritti di segreteria
REGGIO CALABRIA

Riace, processo "Xenia": Lucano non faceva riscuotere i diritti di segreteria

di
processo, riace, Xenia, Mimmo Lucano, Reggio, Calabria, Cronaca
Mimmo Lucano

Nel corso delle attività dell'indagine “Xenia” è emerso che Domenico Lucano, nella sua duplice veste di sindaco e responsabile dell'ufficio anagrafe del Comune di Riace, avrebbe disposto di non far riscuotere, dall'ufficio anagrafe e stato civile, i diritti, previsti dalla legge, obbligatori al momento del rilascio di certificati di anagrafe e di stato civile, nonché delle carte d'identità rilasciate dal Comune.

È quanto venuto fuori nell'udienza di ieri del processo che si svolge davanti al Tribunale di Locri dove ha deposto il maresciallo Cosimo Lenti, del Nucleo operativo della Guardia di Finanza del Gruppo di Locri.

L'edizione integrale dell'articolo è disponibile sull'edizione cartacea della Gazzetta del Sud - edizione di Reggio Calabria.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook