Venerdì, 23 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo
"LANDE DESOLATE"

Appalti in Calabria, per il manager Barbieri cade l'aggravante mafiosa e va ai domiciliari

di
appalti ndrangheta calabria, cosca Muto di Cetraro, inchiesta lande desolate, obbligo dimora Oliverio, Carmine Guido, Gianluca Guarnaccia, Giorgio Barbieri, Luigi Zinno, Mario Oliverio, Vincenzo De Caro, Calabria, Cronaca
L’imprenditore Giorgio Barbieri

Tre grandi appalti pubblici, l’ombra d’una cosca di ’ndrangheta e l’opaca gestione di procedure amministrative complesse azionate per assegnare risorse finanziarie: è lo scenario entro cui si sviluppa l’inchiesta “Lande desolate”.

Un’inchiesta coordinata dal procuratore di Catanzaro, Nicola Gratteri, dagli aggiunti Vincenzo Luberto e Vincenzo Capomolla e dai pm antimafia Camillo Falvo e Alessandro Prontera, che è costata l’obbligo di dimora a San Giovanni in Fiore al governatore della Calabria, Mario Oliverio.

L’impianto accusatorio - come riporta la Gazzetta del Sud oggi in edicola - supera lo scoglio del Riesame incassando, ieri, la conferma della misura cautelare disposta nei confronti del dirigente regionale Luigi Zinno (difeso dall’avvocato Vincenzo Adamo), dell’imprenditore Giorgio Barbieri (assistito dagli avvocati Nicola Rendace e Giovanni Passalacqua), assegnato agli arresti domiciliari con esclusione però dell’aggravante mafiosa ma che rimane sottoposto a misura cautelare; la sostituzione della misura restrittiva con l’interdizione per un anno dalla professione per l’ingegnere Carmine Guido (avvocati Filippo Cinnante e Pippo Malvasi) e Gianluca Guarnaccia (avvocato Rendace), dipendente della “Barbieri costruzioni” e il solo annullamento del provvedimento cautelare per Vincenzo De Caro, già consulente della Regione, difeso dagli avvocati Angelo Pugliese e Giuseppe Lanzino.

Rimane centrale ma controversa nell’intera vicenda giudiziaria la figura del manager Barbieri, indicato in questa e in altre inchieste della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro come funzionale agli interessi della cosca Muto di Cetraro. Una ipotesi d’accusa che tuttavia non ha evidentemente trovato pieno riscontro davanti al Riesame che ha, infatti, annullato la prevista aggravante.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook