Mercoledì, 21 Novembre 2018
I RACCONTI DEL PENTITO

Processo alle cosche di Lamezia, Giampà racconta la pax mafiosa con il clan Iannazzo

di

Nel 2007 le cosche lametine si stavano organizzando per raggiungere una pace, ma il clan Iannazzo mise una clausola: o esce fuori la salma dell'imprenditore Perri, che era stata trafugata, oppure non sarebbe stata raggiunta nessuna pace.

A ripercorre quanto avvenuto oltre un decennio fa in città è il figlio del “professore”, Giuseppe Giampà, divenuto collaboratore di giustizia subito dopo il suo arresto nel 2011, che ieri pomeriggio ha raccontato quanto avvenuto in quegli anni in cui la città è stata bagnata da fiumi di sangue, rispondendo alle domande del pubblico ministero della Dda Elio Romano, nell'ambito del processo “Andromeda” che si sta celebrando davanti al tribunale (presidente Carè, a latere Prignani e Loscanno).

L'edizione integrale dell'articolo è disponibile sull'edizione cartacea della Gazzetta del Sud - edizione di Catanzaro.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X