Lunedì, 16 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Regione, la scure di Oliverio sui Dipartimenti
CATANZARO

Regione, la scure di Oliverio sui Dipartimenti

giunta regionale, mario oliverio, Calabria, Archivio

 Da 14 a 10; risparmio preventivato, a occhio e croce: due milioni di euro ogni anno. La Giunta regionale, riunita ieri sera a Palazzo Alemanni sotto la presidenza di Mario Oliverio, ha licenziato alcuni provvedimenti attraverso i quali mettere mano alla riorganizzazione della struttura della Regione. Pertanto, su proposta del presidente e dell'assessore al Personale Vincenzo Ciconte è stata approvata la riduzione dei Dipartimenti, da 14 a 10 appunto. Sono: “Presidenza”; “Organizzazione e Risorse umane” (a cui è stato accorpato il Dipartimento Controlli); “Bilancio”; “Programmazione nazionale e comunitaria”; “Infrastrutture e Lavori pubblici”; “Sviluppo economico, Lavoro e Politiche sociali” (sostituisce con ulteriori competenze il Dipartimento Attività produttive); “Risorse agricole e forestali”; “Tutela della salute”; “Turismo” (a cui è stato accorpato il Dipartimento Beni culturali, Cultura e Istruzione); “Urbanistica” (a cui è stato accorpato l’Ambiente). Inoltre, sono state abolite alcune Unità operative: Riforme istituzionali diventa Settore dipartimentale; Relazioni internazionali viene accorpata al Settore Cooperazione e delle politiche euromediterranee; Ciclo di programmazione 2000-2006 e Rapporti con le istituzioni comunitarie sono state accorpate e inserite nel Settore Risorse comunitarie; Armonizzazione di bilancio e contabilità che viene accorpata al Settore Bilancio e programmazione economico-finanziaria. Istituita l'Uoa “Difesa del suolo, rischio e sistemazione idrogeologica”. Tra le delibere varate, la richiesta al Governo nazionale di dichiarazione dello stato di emergenza ai sensi dell'art.5 della legge 225/92, per gli eventi alluvionali e di dissesto idrogeologici, che hanno colpito il territorio nel periodo 31 gennaio - 2 febbraio scorsi. Sempre su proposta del Presidente sono stati dichiarati decaduti i presidenti di alcune Fondazioni e nominati, scelti tra i dirigenti regionali, i relativi commissari: alla Fondazione Calabria etica al posto del presidente Pasqualino Ruberto è stato nominato commissario il dirigente dell'Audit Carmelo Barbaro; alla Fondazione Mediterranea Terina al posto di Pasqualino Scaramuzzino è andato il dirigente dell'assessorato Agricoltura Carmelo Salvino; alla Film commission al posto di Ivano Nasso, è stato nominato commissario il dirigente del Turismo Pasquale Anastasi. Su proposta dell'assessore ai Lavori pubblici Antonino De Gaetano, si è deliberato di dichiarare la decadenza dei commissari e dei revisori dei conti delle cinque Aterp provinciali.  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook