Venerdì, 21 Settembre 2018
ASP COSENZA

Per gli assenteisti
possibile licenziamento

asp, cosenza, Calabria, Archivio

L'Azienda sanitaria provinciale di Cosenza "non esclude la possibilità di licenziamento" dei 57 dipendenti del Centro di assistenza primaria territoriale di Praia a Mare denunciati dalla Procura della Repubblica per assenteismo. E' quanto si afferma in un comunicato del direttore generale dell'Asp di Cosenza, Gianfranco Scarpelli.

 Scarpelli, che 'esprime rammarico e profonda delusione per quanto accaduto nelle strutture sanitarie di Praia a Mare'', rileva che "l'Asp già da più di un anno ha approvato, con la condivisione delle organizzazioni sindacali, il nuovo regolamento di verifica e controllo dell'orario di servizio con cui si è data la massima responsabilità ai dirigenti preposti alla direzione delle varie strutture sanitarie e amministrative". 

"La Direzione generale - prosegue Scarpelli - ha dato incarico al direttore amministrativo ed agli uffici legali e personale di valutare i provvedimenti in urgenza da adottare non escludendo la possibilità di procedere al licenziamento o all'eventuale sospensione di tutti i dipendenti nel rispetto della normativa vigente per il grave danno di immagine provocato all'Asp di Cosenza nonché per la mortificazione subita da tutto il management, dai dirigenti e da tutti i lavoratori onesti dell'Asp di Cosenza che quotidianamente con sacrificio ed impegno cercano di dare risposte ai bisogni dei cittadini". "E' veramente grave, disarmante ed intollerabile - sostiene ancora Scarpelli - assistere a questi eventi in un momento di grave crisi occupazionale, con tanti giovani laureati senza lavoro, e constatare che molti non apprezzano lo stato di privilegio in cui si trovano per avere un posto di lavoro sicuro". (ANSA).

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X