Mercoledì, 26 Settembre 2018
'NDRANGHETA

Dia confisca beni per
8 mln a imprenditore

carlo samà, Calabria, Archivio

Beni per un valore di 8 milioni di euro sono stati confiscati dalla Direzione investigativa antimafia di Catanzaro. I beni, secondo l'accusa, sono riconducibili a Carlo Samà, 58 anni, di Amantea (Cosenza), imprenditore nel settore della raccolta dei rifiuti, condannato in via definitiva per associazione mafiosa nell'ambito dell'inchiesta Nepetia contro i presunti componenti di una cosca di 'ndrangheta operante sulla fascia tirennica cosentina. In particolare, la Dia ha confiscato il compendio aziendale e le quote sociali di sei societa' oltre a mezzi industriali, rapporti finanziari e decine di beni immobili, tra i quali spicca la quota di un palazzo baronale amanteano del 1700.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X