Domenica, 23 Settembre 2018
CASTROVILLARI

Lui, lei e l’altra:
il triangolo finito
in tribunale

Nel gennaio del 2010 il marito della signora imputata compì un viaggio di lavoro con quella donna conturbante. Al ritorno sarebbe accaduto qualcosa di imbarazzante: la coppietta si sarebbe fermata nell’auto di lei, dalle parti di corso Calabria e, secondo l’imputata, i due si sarebbero dati un bacio appassionato, sotto gli occhi della moglie tradita. Un episodio che avrebbe dato la stura a un duro confronto verbale condito da epiteti, ingiurie e gravi offese personali. Frasi per così dire poco signorili più volte richiamate durante le fasi del procedimento. In giudizio, però, la presunta amante si è sempre difesa, rilevando l’insussistenza della storia amorosa, rigettando ogni accusa formulata a suo carico e rincarando la dose di accuse per la sua presunta rivale. Ipotesi chiaramente contrapposte che hanno visto il Giudice di pace riconoscere, alla fine di una lunga e meticolosa attività di prova, l’insussistenza del capo di imputazione ascritto a carico della moglie dell’uomo conteso. E così, su richiesta dell’avvocato Ugo Anelo, l’imputata è stata assolta «perché il fatto non sussiste ».

L'articolo completo lo trovate sul nostro giornale

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X