Venerdì, 21 Settembre 2018
LA PERIZIA

I resti ossei sono
di Lea Garofalo

lea garofalo, Calabria, Archivio, Cronaca

 I 2.812 resti, in particolare frammenti ossei, ritrovati all'interno di un tombino ''sono da identificare in Lea Garofalo''. Lo ha spiegato in aula l'antropologa e patologa forense Cristina Cattaneo, consulente della procura nel processo d'appello sull'omicidio della testimone di giustizia, sequestrata e uccisa nel novembre del 2009. Secondo la consulente, le condizioni dei resti ossei ritrovati ''sono perfettamente coerenti'' con il racconto reso dal pentito Carmine Venturino.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X