Mercoledì, 26 Settembre 2018
SCUOLA

Concorso a cattedra,
giallo in Calabria

Si tinge di giallo, in Calabria, il concorsone per gli insegnanti. Che fine hanno fatto quelle prove scritte? I primi esposti sono già stati inviati alla Procura della Repubblica di Catanzaro, che ha aperto un’inchiesta al momento alle battute preliminari. Il “caso” ancora tutto da chiarire è scoppiato lo scorso 22 marzo, quando la commissione giudicatrice della classe di concorso per le materie letterarie ha rilevato un’anomalia Come si legge nel verbale, è emerso infatti «che nelle buste n. 4, 5, 6, 130 risulta mancante la prova d’Italiano, mentre solo nella busta 130 è inclusa l’unica prova di Latino. È emerso altresì –continua la commissione –che nelle buste n. 179, 180, 187, 188, 189, 190, 191, 192, 193, le stesse risultano prive di elaborati ». Il significato di quanto verbalizzato non dovrebbe prestarsi ad interpretazioni: almeno nove buste risultano vuote. E, dunque, che fine hanno fatto gli elaborati degli aspiranti docenti che hanno sostenuto le prove scritte lo scorso febbraio? Un bel guaio. Cosa sia realmente successo lo chiarirà, a questo punto, l’indagine della Procura del capoluogo, ma al di là di eventuali risvolti penali, resta il problema di evitare che la prova scritta debba essere ripetuta.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X