Mercoledì, 26 Settembre 2018
PAPARAZZO CALABRESE

Una donna dietro
il delitto Lopresti

lopresti, Calabria, Archivio

Spunta un'altra pista nelle indagini sull’omicidio di Daniele Alessio Lopresti. Una pista che potrebbe rivelarsi decisiva nella caccia al killer: la vittima frequentava la parente di un boss. Una scelta sbagliata. Una relazione pericolosa, dunque, perché la donna in questione frequentata era vicina o in qualche modo legata a un esponente della 'ndrangheta. Una chiave di lettura nuova per cercare di risolvere il giallo della tragica fine del fotografo dei vip, freddato con un colpo di pistola alla testa mercoledì scorso, mentre faceva jogging sulla pista ciclabile nei pressi di Ponte Testaccio a Roma. La notizia della morte di Daniele Alessio Lo Presti ha sconvolto amici e parenti. La famiglia vive a Palmi (e non a Vibo come inizialmente era stato detto), dove il fotografo tornava regolarmente a trascorrere vacanze e periodi di ferie. Nel grosso centro del litorale tirrenico reggino viveva la madre, una insegnante originaria di Bagnara, mentre il padre, Mimmo Alessio, noto sindacalista a lungo impegnato sul fronte delle più importanti vertenze nella Piana di Gioia Tauro, è morto due anni fa. A Palmi vivono i compagni che con Daniele Alessio Lo Presti avevano frequentato il liceo classico “Nicola Pizzi”.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X