Venerdì, 21 Settembre 2018
CATANZARO

Le finanze “derivate”
della Regione

regione calabria, Calabria, Archivio

È ormai prossima alla conclusione l’ inchiesta della Procura della Repubblica di Catanzaro relativa alla sottoscrizione di contratti derivati (Swap) da parte della Regione Calabria con la Banca Nomura e altri istituti di credito negli anni dal 2004 al 2006. Dopo l’acquisizione delle ultime recenti testimonianze relative all’iter che portò la Regione alla sottoscrizione dei derivati, di una vasta documentazione, nonché delle consulenze disposte per valutare l’ammontare degli eventuali danni subiti dall’Ente – che, è bene sottolinearlo, nel procedimento è parte offesa –, dovrebbero concludersi al più presto le indagini che hanno portato i sostituti procuratori titolari del caso, Gerardo Dominijanni e Domenico Guarascio, a iscrivere nel registro delle notizie di reato i nomi dell’ ex consulente della Regione Calabria, Massimiliano Napolitano; dell’ex dirigente del settore Bilancio dell’Ente, Mauro Pantaleo; della moglie di quest’ultimo, Chiara Cavallo, e di quattro funzionari dell’Istituto di credito giapponese, indagati a vario titolo per truffa aggravata in danno della Regione, frode in pubblica fornitura e falsità ideologica.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X