Sabato, 22 Settembre 2018
SIBARI

Dopo l'acqua il fango
L'appello del sindaco
al presidente Napolitano

Ora che il percorso per i visitatori è stato liberato, si potrebbe venire a Sibari per vedere gli scavi coperti dal fango. Sul sito archeologico resta solo un'idrovora dei vigili del fuoco che hanno ridotto la propria presenza. Il nuovo pericolo è la macchia marrone che copre l'intera area. Il lavoro delle idrovore che hanno aspirato l'acqua è praticamente terminato. Adesso, ci sarebbe da avviare la seconda fase, quella della pulizia per riportare alla luce i mosaici e gli affreschi. “Serve – afferma il sindaco Papasso- personale e macchinari specializzati per effettuare questo tipo di operazioni”. Oggi la visita a Sibari del segretario regionale della Cgil. Nonostante i sopralluoghi di istituzioni e parti sociali, nel concreto, gli aiuti non arrivano.“ Nessuna risposta concreta- ribadisce il primo cittadino di Cassano Ionio che fa sapere- mi appellerò al presidente della Repubblica”

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X