Sabato, 22 Settembre 2018
EMERGENZA RIFIUTI

Il sindaco di Rossano
lancia l'ultimatum

bucita, emergenza rifiuti, rossano, Calabria, Archivio
sindaco rossano antoniotti

L’emergenza rifiuti rischia non solo di trasformare le città calabresi in tante discariche a cielo aperto, ma anche  di innescare un duro scontro tra i sindaci del cosentino. Il primo cittadino di Rossano, Giuseppe Antoniotti, avverte:” Non siamo disponibili a pagare ulteriori prezzi alla confusione, alla disorganizzazione, alla demagogia. La nostra discarica ha già dato e non può essere indicata quale soluzione tampone. Già da lunedì prossimo 7 gennaio – tuona il sindaco – non avrò remore ad adottare, se la situazione dovesse precipitare, anche decisioni drastiche relative all'accesso all'impianto di Bucita. Perché nessuno, sulla base dei propri calcoli ed interessi municipali  o di casacca politica, può  sentirsi autorizzato a giocare sulla pelle di una città che da sempre, in tema di rifiuti, è stata a totale disposizione del territorio senza chiedere mai nulla. Ora basta. Non sono più accettabili i no a prescindere e le chiusure  pregiudiziali di chi non ha ancora capito, evidentemente, che il problema è di proporzioni gigantesche e che non si risolve con qualche autorizzazione alla giornata o con sotterfugi irresponsabili e che servono solo a scaricare i disagi su altri o sui prossimi giorni. Di questa irresponsabilità al governo le popolazioni non hanno bisogno”. Antoniotti fa sapere che nella prossima settimana, su sua richiesta nella prefettura di Cosenza è stato programmato un incontro con i 38 sindaci del territorio per individuare e autorizzare il conferimento in altre discariche già disponibili.

 

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X