Giovedì, 20 Settembre 2018
GIUDIZIARIA

Processo Fallara, la difesa degli imputati

processo fallara, Calabria, Archivio
Il Cedir sede degli uffici giudiziari

Le difese – nell’udienza del cosiddetto “processo Fallara” che si sta celebrando davanti al Tribunale presieduta da Olga Tarzia – sono andate all’attacco. O almeno ci hanno provato. Gli avvocati degli imputati  Carmelo Stracuzzi, Domenico D’Amico e Ruggero Alessandro De Medici (i tre revisori dei conti che devono rispondere del reato di  falso) e dell’ex sindaco Giuseppe Scopelliti (che oltre al falso è imputato anche di abuso d’ufficio) hanno “torchiato” per quasi  tre ore i tre esperti della Procura, Vito Tatò, Roberto Rizzi e Giovanni Logoteto, gli ispettori che hanno redatto un dossier di 150 pagine sui “buchi” nei conti di Palazzo San Giorgio su cui è stato cementato questo procedimento penale che prende il nome da Orsola Fallara, la dirigente del settore Finanze del Comune, morta suicida due anni fa, che ha lasciato dietro di sè   una voragine nei conti comunali dai contorni indefiniti.
Hanno cominciato il  controesame della terna (ha quasi sempre risposto per tutti Vito Tatò), gli avvocati Francesco Giuffrè, Antonio Sofo,  Carmelo Chirico e Alberto Panuccio, i quali hanno provato ad aprire qualche crepa nella granitica relazione stesa dagli esperti  facendo leva sul fatto che gli stessi consulenti della Procura non avevano rinvenuto tra gli atti del Comune che hanno esaminato anche altri documenti che sarebbero stati necessari e fondamentali per la stessa redazione di quella robusta consulenza.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook